Scheda film

La fabbrica è piena. Tragicomedìa in otto atti

Sinossi

- Andiamocene!
- Non si può!
- Perché?
- Perché aspettiamo!
- Già è vero!
[Aspettando Godot, Samuel Beckett]

Ottobre 2010. La Fiat Grandi Motori, stabilimento storico torinese, sta per essere demolito per lasciare spazio ad un centro commerciale. Al suo interno una coppia di senza tetto rumeni – moderni eroi beckettiani – ed un silenzioso veterano della fabbrica abbandonata, soprannominato “l'amministratore delegato”, vivono in un limbo tra disperazione e isterica euforia, tra addii, partenze e subitanei ritorni, violenza repressa e profonda umanità.
La fabbrica in disfacimento diviene palcoscenico della loro personale ed archetipica “tragicomedìa”, il cui ultimo atto si protrarrà fino alla fase finale della demolizione.

Dal nostro archivio

Jazz Cosmopolitanism in Accra, Ghana: A Por Por Funeral for Ashirifie

di
Stati Uniti, 2009 (60 min)

La musica Por Por prende il nome dal suono dei vecchi clacson a trombetta che si trovavano un po'...

Trasformazioni Urbane / Orto Diffuso

di
Italia, 2012 (10 min)

Il film è frutto di un reportage alla scoperta dei giardini comunitari europei, una nuova forma di...

Good Buy Roma

di e
Italia, 2011 (50 min)

Abbandonato da anni, chiuso, protetto e minacciato da un alto muro spinato, ricoperto da tanta...

Aquiloni controvento

di
Italia, 2011 (25 min)

«L’aquilone controvento è uno che va controvento, contro tutti, contro la maggioranza… e...

© Università degli Studi di Milano 2013