Scheda film

Çapulcu: Voci da Gezi

Sinossi

Il film è un'istantanea su quanto abbiamo visto e su quanto ci è stato raccontato. Le voci: studenti, avvocati, architetti, giornalisti, attivisti; giovani e meno giovani; ricchi e poveri; incazzosi e gioiosi; coraggiosi e spaventati. Le immagini: l'occupazione pacifica di Gezi Park, la gioia nell'opporsi a una scelta assurda; la violenza della repressione, lo sbigottimento nell'essere “violentati”; l'invenzione della protesta silenziosa, la moltitudine di piazza Taksim. Le ragioni: la gentrificazione di Istanbul, un'islamizzazione che vieta il consumo di alcolici la sera, la limitazione alle libertà individuali, un potere sempre più sordo, la censura che ha provato a nascondere la protesta. La pluralità dei manifestanti, diversissimi tra loro, uniti in un'inaspettata alleanza contro gli abusi del potere.

Dal nostro archivio

Ju tarramutu

di
Italia, 2010 (89 min)

La notte del 6 aprile 2009 un violento terremoto ha devastato una delle più belle città italiane...

Aulò: Roma Postcoloniale

di e e
Italia, 2012 (48 min)

“Aulò. Roma postcoloniale” racconta la storia di due città, Asmara e Roma, legate tra di loro...

L’empreinte

di
Francia, 2008 (47 min)

Una panetteria a Herat, in Afghanistan. Dodici ore al giorno, sette giorni su sette, una dozzina...

Ordinary Lives

di
India, 2005 (38 min)

Premiato in numerosi festival internazionali tra il 2005 e il 2006, Ordinary Lives si incentra...

© Università degli Studi di Milano 2013