Santiago del Cile

Presentazione

La proiezione è introdotta da Marzia Rosti.

Note introduttive

La Ciudad de los Fotógrafos è un film documentario ambientato nel Cile degli anni della dittatura di Augusto Pinochet (1973-1989), quando un gruppo di fotografi professionisti e dilettanti diede origine agli inizi degli anni ’80 alla Asociación de Fotógrafos Independientes (AFI), col proposito di documentare attraverso proprie fotografie gli aspetti sconosciuti della repressione militare e della resistenza popolare. Le foto scattate riportavano infatti immagini rubate, che i media ufficiali non divulgavano. Quelle immagini, conservate a rischio della vita, rendevano possibile conoscere la storia non ufficiale del Cile, di quel Cile che cercava di resistere e, soprattutto, di protestare contro il regime di Pinochet, in nome della democrazia. L’arte del fotografare costituì dunque un esercizio di libertà, un tentativo di sopravvivere alla repressione, mentre le macchine fotografiche si rivelarono gli strumenti adatti sia per immagazzinare immagini sia per lottare. In un momento della storia cilena in cui era necessario prendere posizioni precise e dove esisteva solo l’alternativa fra bianco e nero, le uniche sfumature di grigio si ritrovano in quelle fotografie. Sebastian Moreno (Santiago de Chile, 1972) è l’autore del documentario La Ciudad de los Fotógrafos, vincitore nel 2007 del Festival del Cinema di Valparaíso, del Festival del Cinema Africano, d'Asia e America Latina di Milano e ha ricevuto la nomination come miglior documentario all'International Documentary Festival di Amsterdam nel 2006. (M.R.)

Film in programma

La Ciudad de los Fotógrafos

di
Cile, 2006 (80 min)

Mentre Augusto Pinochet stava al potere, negli anni '80 un gruppo di fotografi indipendente si...

© Università degli Studi di Milano 2013